MAGAZINE
Strumenti manageriali

Storytelling mon amour (perché dovresti innamorarti e fare innamorare con la narrazione d’impresa)

“Stai già facendo Marketing con lo storytelling aziendale? Sappiamo tutti che ogni azienda racconta i propri prodotti, marchi o servizi per “ingaggiare e fidelizzare” il cliente. E alla fine non sarebbe meglio dire sedurre e conquistare, un po’ come fanno gli innamorati?”

Conquistare il cuore dell’amato/a non è forse un’impresa?

Come la seduzione anche la narrazione si avvale di uno stile

Che fai quando seduci qualcuno?

Metti in campo, a modo tuo, ogni strategia utile per costruire e consegnare “all’amato/a”, o al cliente, una storia di te che sia tanto affascinante e credibile da soddisfare e fidelizzare il contratto “d’amore”. Di fatto Progetti e mostri una rappresentazione di te stesso per essere ed essere visto ovvero fai narrativa d’impresa.

Quando non scatta il colpo di fulmine il corteggiamento “narrativo” può essere lungo e impegnare più fronti

Lo scrittore e generale francese del Settecento De Laclos, nel famoso romanzo di seduzione Le relazioni pericolose, sosteneva che “non esiste fortezza inespugnabile”. È pur vero che talvolta il cliente/amato cede per sfinimento a forza di raccontargliela…

E d’altra parte, come sai, il destinatario/cliente è consapevole che c’è sempre un “gap” tra quello che vede, o sente da te, e quello che sarà di te e di voi.

Senza scomodare i romanzi e le neuroscienze, è la dimensione immaginativa del futuro e la promessa che contiene, che convince le parti a chiudere l’accordo. Sta poi a te mantenere eticamente la promessa (fedeltà) e tenere ben viva l’immaginazione, (soddisfazione) altrimenti sarai vissuto e ricordato come un seduttore da strapazzo dal quale fuggire perché avrai illuso con una “fantasia” e tradito con l’inganno.

Se non vuoi scomodare la C.I.A. devi Curare l’Intelligence Amorosa

E così come l’innamorato fa “intelligence”, cioè cerca di capire che cosa “smuove” l’amato/a che cosa ama sentirsi dire (quali emozioni) così il narratore deve ascoltare il suo potenziale cliente per capire quale storia raccontargli, con quali mezzi e modalità.

Come puoi fare storytelling d’impresa (se credi davvero che l’amore sia un’impresa)

Il “pubblico/target/amata” vuole la storia che ha voglia di ascoltare, la sua, dunque, non quella di chi la offre!

Non solo: se la storia che racconti funziona, e hai fatto i passi giusti, il pubblico diventa “direttamente interessato” e ri-marca la tua “narrazione”, cioè fa branding mentre tu conquisti.

Tu narratore aziendale, che hai capito il tuo cliente, devi raccontare una storia che ne sottolinei le competenze; una storia rappresentativo che ne mostri i successi; una storia di posizionamento che ne dimostri l’unicità e le capacità, una sequenza di fatti che ne evidenzino la reputazione; una batteria di sogni che identifichino il futuro e la ragione perché lui è lì in quel momento così importante.

Quando il rapporto narrativo è ben saldo e fidelizzato anche qualche caduta di stile sarà perdonata con indulgenza e dunque attenzione a non tirare troppo la corda!

7 domande per raccontare la storia che fa innamorare per sempre (fino a che… )

1. Che cosa vuoi ottenere?

2. A chi la devi raccontare?

3. Che cosa raccontare?

4. Come ti poni?

5. Come ti mostri?

6. Quali strumenti usi?

7. Quanto tempo ci metti a consegnare la storia?

6 cose essenziali da sapere (se non vuoi apparire un seduttore da strapazzo

1. Cosa descrive la tua azienda/organizzazione/professione

2. Come è descritta dagli altri;

3. Con quali simboli e come si presentano le tue persone;

4. Di cosa ha bisogno a motivo del suo/tuo passato;

5. Qual è il suo presente (mission);

6. Qual è il suo progetto futuro (vision).

Strategia di corteggiamento (se vuoi fare una gran bella figura)

È duplice: intelligence verso il pubblico; intelligence all’interno dell’organizzazione.

E poi devi avere chiari i valori aziendali, la cultura, il clima, i ruoli, i poteri, gli standard, le regole e gli atteggiamenti. Infine, dovrai scegliere il mezzo o i canali di relazione e comunicazione che si adotteranno.

Narratori si nasce o si diventa? (sapersi raccontare per essere riconosciuti)

Da diversi anni mi occupo di ispirare i narratori d’impresa agli elementi di base delle storie, ai metodi progettuali, alle strategie di ascolto e alle incredibili dinamiche creative che sottendono e alimentano tutte le storie, anche quelle ritenute poco interessanti e che sembra che nessuno voglia o sappia raccontare.

La storia più bella è sempre la tua. Impara a raccontarla!

Perché se non ti fai notare, nessuno ti nota, mon amour

Hai qualcuno a cui consigliare l’articolo – magari un collega? =)


Maurizio Matrone

Si diverte molto a raccontare e a inventare storie vere. Non è un caso che sia scrittore e formatore. Avendone fatte di tutti i colori non se la sente di stare fermo e cerca di trascinare gli altri a progettare mondi possibili da immaginare e raccontare con reciproco piacere. Ha fatto il poliziotto, ha pubblicato romanzi gialli, scritto sceneggiature televisive e organizzato festival letterari. Da anni crea percorsi narrativi e di formazione sulle diverse declinazioni dello storytelling aziendale.

Condividi sui tuoi social
Corso La gestione dei Millennial in azienda
Chi siamo

Siamo una società che si occupa di formazione. Siamo specializzati in sviluppo manageriale, corsi di formazione aziendali, percorsi di coaching individuale e di team.






Vuoi rimanere in contatto con noi?

Iscriviti e ricevi articoli, novità e offerte speciali nella tua casella di posta!




Adacta Consulting logo
MAGAZINE